Area riservata

COMMERCIALISTA “DAL VISTO FACILE”: PAGA LA DICHIARAZIONE FRAUDOLENTA

Secondo il collegio di legittimità si configura il reato del professionista, a prescindere dalla circostanza che egli tragga o meno un beneficio dalla condotta criminosa.
Per la Corte di cassazione, l’invio telematico di false dichiarazioni Iva da parte del commercialista, il quale ometta qualsiasi controllo su di esse e apponga un visto mendace, rappresenta una condotta sintomatica del contributo del professionista all’illecito fiscale del contribuente, rilevante ex art. 3 del Dlgs n.74/2000.
Questi i contenuti della pronuncia n. 26089, del 16 settembre scorso.
Clicca qui per leggere l’intero articolo.

Fonte: https://www.fiscooggi.it

professionisti in sinergia maruggi sarezzo
02 Dicembre 2020 IL DECRETO “RISTORI QUATER” IN GAZZETTA UFFICIALE Leggi »
studio maruggi professionisti in sinergia
Studio Maruggi Industria 4.0